Tutti i numeri del T250 Capraia

La tipologia central consolle, integrata in uno scafo dalle forme e dai contenuti fisherman è quanto di più attuale si possa desiderare per avere il perfetto daycruiser o un weekender. In un volume compatto, il Tuccoli T 250 Capraia rivela invece spazi e finiture inimmaginabili. Entrambi con caratteristiche solitamente associate a imbarcazioni più grandi e costose. Un pozzetto di oltre quattro metri quadrati che lascia spazio per la vita in relax, ma anche alla postazione di guida larga un metro e profonda 55 centimetri. L’hard top offre un’area di 6,3 metri quadrati direttamente protetti e ombreggiati, cui si aggiungono ben tre metri quadrati di prendisole. Per girare tutto intorno alla barca il calpestio è sempre libero e anche nel punto più stretto non scende mai sotto i 23 centimetri. Ma c’è di più…

Il T250 Capraia sfrutta la sua carena da fisherman per inserire dentro un central consolle degli interni abitabili e godibili da una coppia. A prua si trova infatti una cabina armatoriale con letto da 190×200 cm; il bagno separato è profondo 95 centimetri e largo 180. E l’altezza degli interni arriva a 1,85 metri: non male per una barca che da fuori non mostra neanche la tuga…